Seo On Page e Seo Off Page – Guida Completa

Seo on page e seo off page, cosa sono? Come possiamo sfruttarle al meglio? Proviamo a fare una guida completa dove rispondere a tutti i vostri quesiti e dubbi.

Sul nostro blog abbiamo già definitivo più volte la Seo come l’insieme di regole da applicare per posizionare bene il proprio sito web.
Ovviamente la definizione è molto più ampia e potete leggerla in questo articolo; ma oggi specifichiamo che la Seo si divide in due categorie:
Seo on page e Seo off page.
Questa differenziazione viene ritenuta fondamentale per la divisione dei compiti da svolgere nella gestione del blog.
Come vedremo la prima indica come bisogna creare e mantenere il sito, la seconda ci dice tutto ciò che c’è da fare esternamente al sito.
Seo on page
Seo on page

Caratteristiche della Seo on page

La Seo on page va a lavorare sulla struttura del sito, all’interno degli articoli e delle descrizioni dei prodotti e sul dominio in generale.

Dominio

  • Sul dominio in generale perchè è essenziale per la Seo che il dominio si appoggi su un hosting veloce e autorevole. Inoltre è necessaria l’aggiunta di un certificato SSL al dominio (quello che lo fa passare da http ad https). Senza un certificato del genere secondo le nuove norme di Google si compare difficilmente, anzi a malapena, nella SERP.

Keyword

  • Lavora come detto sopra all’interno degli articoli. Quando si ottimizzano le keyword in modo che il post compari su Google in relazione a quella parola; questo è già ottimizzare on page. Quando si curano il link interni all’articolo e le varie immagini è la stessa cosa.
  • Lo stesso ragionamento vale per le descrizioni dei prodotti degli e-commerce.

Bot dei motori di ricerca

  • E’ molto importante anche aumentare l’accessibilità ai bot (crawler), in particolare a quello di Google. In poche parole bisogna fare in modo che Google possa scansionare al meglio il vostro sito/blog e quindi aggiornarlo velocemente. Il primo passo in assoluto è quello di iscriversi alla Search Console di Google ed inviare la Sitemap del proprio sito. Dato che è un passaggio molto importante se cliccate qui vi si aprirà direttamente la guida di Google.

mobile friendly seo on page

Mobile Friendly

  • Bisogna rendere il sito Mobile Friendly, non solo andrà ad aumentare il punteggio Seo, ma anche una serie di parametri. Se rendete il vostro sito leggibile da qualsiasi dispositivo aumenterà 1. il tempo di lettura 2. la frequenza di rimbalzo 3. Google capirà, in base al tempo in cui i lettori leggono l’articolo, che quel contenuto rispecchia completamente o meno la ricerca degli utenti.

User Experience

  • Anche la User Experience (UX = Esperienza utente) fa parte della Seo on page.  Per esempio facilitare l’accesso ad ogni pagina e da ogni dispositivo agli utenti. Anche facilitare gli acquisti e le registrazioni sul sito significa curare la UX e di riflesso la Seo on-page.

Elementi chiave

  • Limitare gli elementi chiave della pagina per esempio:
  1. Il Titolo (h1) di una qualsiasi pagina deve essere inferiore ai 75 caratteri
  2. L’URL delle essere inferiore ai 90 caratteri
  3. La Meta Tag Description deve essere inferiore ai 160 caratteri

Questa limitazione è utile ancora una volta alla lettura ed elaborazione dei bot dei motori di ricerca; potete anche non rispettare solo 1 di questi punti e sarete comunque sia indicizzati bene.

  • Integrare il sito con i social network per facilitare sia la condivisione di contenuti che l’aumento di interazioni sulle vostre pagine principali.

Ulteriori consigli

Questi sono consigli “generali” ma la nostra guida viene definita comunque completa. Non possiamo dettagliare ogni singolo consiglio, ci servirebbe una vita e molto probabilmente ne uscirebbe fuori un libro. Nonostante tutto i consigli più difficili li spieghiamo a dovere e ve li rendiamo facili, tutto il resto e molto facile da applicare.

Se avete dei dubbi a riguardo o volete approfondire qualcosa scriveteci a: info@dlame.it o sui nostri social.

Nella infografica che trovate qui sotto ci sono molti consigli utile direttamente da MOZ.

Elementi di ottimizzazione della Seo on page di MOZ.
Elementi di ottimizzazione della Seo on page di MOZ.

Caratteristiche della Seo off-page

Con la Seo off page si lavora in maniera totalmente esterna al sito e principalmente sfruttando la link building.
  • Fare link building significa riusce ad ottenere dei link che indirizzano verso il nostro sito, per esempio:
Gestiamo un blog di news sul calcio e per farlo cresce (sia in autorità dominio che in posizione SERP) cerchiamo di ottenere un link da “calciomercato.com”; che è tra i più forti nel settore.
Social network seo off page
  • Negli ultimi anni anche i social network sono diventati strumento di ottimizzazione off page dei blog e siti web. Avere dei social aggiornati e che abbiamo molte “impression” influenza positivamente sui punteggi seo; e di conseguenza sul posizionamento del sito.

Ulteriori consigli

Un parametro che viene molto “apprezzato” dai vari Seo tester online per la Seo off page è il numero di condivisioni che ottiene un contenuto. Di fatto è consigliabile alla pubblicazione di un nuovo articolo, oltre che inserirlo nella Search console per l’indicizzazione; anche di cercare di diffonderlo il più possibile su Facebook e Twitter.

Per quanto riguarda la link building è un processo nettamente più difficile rispetto alla condivisione dei social network. Quando Google non era ancora attento a determinati fattori significava semplicemente inserire il link del proprio sito in alcune Directory online.

Le directory erano come un elenco telefonico, e all’inserimento del sito si specificava:

  1. L’url
  2. Il nome del sito
  3. La mail
  4. La categoria di competenza (es. informatica, ippica, nautica, ecc.)

Col passare degli anni però alcuni utenti acquistavano dei pacchetti dove si veniva inseriti in automatico in migliaia di directory, e questo a  Google non piaceva.

Il motore di ricerca numero 1 al mondo mette al primo posto la qualità dei contenuti, ed un pagina web che posta siti a cavolo non ha alcun contenuto.

Ecco come siamo arrivati a dare tanta importanza alla link building, anche se è qualcosa di ancora più difficile rispetto a quanto vi ho detto.

Per esempio se due amici gestiscono due siti all’interno dei quali si inserisce il link l’uno dell’altro per aiutarsi nel posizionamento Google lo viene a sapere in men che non si dica e li penalizzerà.

Anche se un sito di palla a nuoto dovesse citare il mio (che parla di web marketing) Google non darà molta importanza a quel link che ricevo; perchè non è inerente alla costruzione di una rete di contenuti “sensati”.

Certo l’argomento e difficile da spiegare in brevi passaggi, se volete vi faccio una guida, scrivetemelo nei commenti!

Metodo per ottenere link buoni

Vi posso lasciare con l’unico consiglio applicabile che Google non penalizza, i commenti sui siti web.

Mettiamo caso che voi gestiate un blog di cucina, molti siti web permettono di aggiungere commenti assieme al vostro nome ed al vostro sito web.

Dunque vi basterà andare su di un sito di cucina e commentare aggiungendo nella giusta casella il link; (non aggiungerlo nel testo e non fare spam altrimenti il commento non sarà mai pubblicato).

Dopo una settimana potete verificare nella sezione Link di Search Console, sotto la voce “Siti con link principali” se i vostri commenti stanno dando i loro frutti.

Ripeto ci sono altre tecniche e migliaia di altri consigli riguardo la link building, quindi se volete una guida scrivetemelo nei commenti.

Seo off page
Seo off page

Avvertenze finali

Sapete che noi di Dlame ci teniamo ai nostri lettori, ed oltre a consigliare cosa devono fare diciamo con precisione sempre cosa NON devono fare.

Ottimizzare siti web tramite la seo on page e la seo off page per molti è un lavoro (anche per Dlame) ma alcune persone lavorano con i piedi, lo sapete.

Molti vi proporranno di ottenere alcune delle caratteristiche elencate sopra semplicemente pagando o affidando loro i siti.

Perciò cerchiamo di mettervi in allerta sui rischi in cui andate in contro se iniziate a cimentarvi nella Seo e a circondarvi di collavoratori.

  1. Mai lasciare le credenziali di accesso al vostro sito a nessuno. Qualcuno ve lo chiederà, magari per ottimizzare il sito in chiave Seo, state attenti!
  2. Non acquistate i pacchetti dei backlink! Ricordate di quando prima parlavamo di link building? Bene, qualcuno potrebbe proporvi di vendervi 10,100,1000 link in entrata da link esterni in un solo colpo.  SONO SOLDI BUTTATI! Google vi sgama (scopre) in 1 secondo e mezzo e vi ritrovate dalla 3 pagina alla 90esima! (se vi va bene)
  3. Quando acquistate un qualsiasi servizio a pagamento cercate sempre su Google se questo servizio è funzionante, se lo hanno già acquistato ecc. ecc.
  4. Se dovete scegliere dei Seo Specialist sappiate che ci sarà da pagare. Un Seo specialist competente avrà una lista d’attesa, e non vi ottimizzerà il sito con 50 euro sulla postepay, quindi ancora una volta diffidate!
Se la nostra guida vi è piaciuta, se avete dubbi o se volete approfondire qualche aspetto lasciateci un commento!
Inoltre condividete l’articolo sui social network e taggateci.
Se volete scrivere su dlame.it scrivete a info@dlame.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *