Social Media Strategist – Cosa fa? Quanto guadagna?

Social Media Strategist

Oggi andremo ad analizzare una delle figure di riferimento del mercato digital italiano ed internazionale: il Social Media Strategist (o specialist) ed ovviamente anche il suo stipendio.

Molti di voi saranno sicuramente più abituati al termine Social Media Manager e vorrete capire magari proprio la differenza che intercorre tra le due figure professionali.

social media strategist

All’inizio le aziende che volevano affermarsi sul web sentirono il primissimo bisogno di curare i loro canali social come Facebook, Twitter e Instagram e si faceva riferimento a dei, passatemi il termine obsoleto, “nativi digitali” che sapevano muoversi sulle piattaforme.

Col tempo questa professione è andata sempre di più ad affermarsi e non basta più sapere utilizzare i social media per lavorare nelle aziende, ma c’è il bisogno di una larga conoscenza di marketing e di comunicazione.

Nasce così il Social Media Strategist che si occupa in particolar modo di:

  • Interagire con i followers
  • Avviare, studiare e correggere le pubblicità a pagamento sui social
  • Moderare il pubblico in base agli interessi (indirizzare i progetti verso il loro target)
  • Analizzare le ricerche e la navigazione sui social (interpretare la domanda degli utenti)
  • Coordinare il lavoro con Designer e grafici

Può sembrare un lavoro facile ed adatto a tutti ma se un’azienda ha necessità di un social media strategist significa che il pubblico incanalato verso i propri social e molto ampio e quindi difficile da gestire da una persona che occupa un’altra posizione in azienda.

Quanto guadagna un social media strategist

Il guadagno medio di un social media strategist secondo i dati online è molto modico, circa 650€ al mese; (ovviamente in una posizione part-time) mentre per una posizione a tempo pieno si guadagna circa 1.300€ al netto delle tasse.

Ovviamente dipende da che tipo di professionisti si è, se dipendenti o collaboratori indipendenti.

Da collaboratori indipendenti risulta più facile arrivare a guadagni anche di 3.000€ al mese potendo gestire anche 3 aziende contemporaneamente rilasciando fattura da libero professionista. 

Quali strumenti utilizza

Gli strumenti con cui opera un social media strategist non sono molto espansivi dal punto di vista monetario, l’investimento iniziale quindi è concentrato tutto negli studi che, come anticipato già prima, devono essere indirizzati verso Marketing e Comunicazione.

Quindi assieme al web master, al web designer e al personale marketing il social media strategist fa parte dell’ufficio digital aziendale.

Come lo si diventa

Sicuramente avremo parlato di questo argomento un altro centinaio di volte su dlame.it

L’iter da seguire è sempre lo stesso: Università del genere non esistono, esistono tanti corsi che aiutano e formano le persone, ma non ne certificano in alcun modo la professionalità.

Sotto questo punto di vista l’Italia è indietro anni luce, incredibile che oggi un giovane si trovi a dover sceglie tra università e corsi di formazione completamente “sterili”.

Ovvio che sarà scelta l’Università, è ovvio che i giovani non sono stimolati ad intraprendere la strada del lavoro digital.

Per fortuna comunque sia non c’è mai bisogno di una “gloriosa certificazione” per svolgere questo mestiere; si può imparare tranquillamente in un corso di formazione e poi cercare lavoro in azienda, o magari lanciare un proprio progetto.

Solo che sarà una strada lunga e difficile perché lo stato italiano non ha proprio considerazione del settore, quello che sceglierete di fare lo farete da soli, senza incentivi o finanziamenti.

ATTENZIONE

Noi nei nostri articoli diffidiamo sempre dal pagare guru del web che vi fanno credere di insegnarvi il lavoro.

Se dovete acquistare dei corsi a pagamento online o in una sede dal vivo verificate la competenza di chi ve li propone. Verificate che siano delle aziendi serie e certifcate, non il signor “Euforico” della pubblicità.

Social Media specialist

Quanta domanda di lavoro c’è

Per rispondere a “quanta domanda di lavoro c’è?” noi di Dlame ci affidiamo spesso a Indeed.com; è un modo poco preciso di calcolo statistico, certo, ma ci permette di capire in proporzione quanta richiesta di lavoro c’è.

I numeri quindi sono da prendere solo come esempio. A Roma infatti sono richiesti solo 18 social media specialist mentre a Milano ne “servono” già 73. Ovviamente in alcune città non c’è alcuna richiesta (almeno Online) di questo lavoro.

Molto probabilmente un social media specialist deve proporsi in altri modi nei confronti delle aziende medio-piccole di altre città italiane. Il fatto che non ricerchino questo tipo di personale online probabilmente indica il fatto che non sappiano nemmeno come si chiami.

 

Ti consiglio di leggere anche: Web Designer, Come guadagnare con un blog, Come raggiungere 100.000 visite alla settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *